martedì 8 maggio 2012

NUOVO ESTRATTO DA "LA QUIETE INDECENTE"


"LA QUIETE INDECENTE. Una storia gotica fra Venezia e i Carpazi"
Romanzo inedito di Leni Remedios

estratto

Lettera di Jeronimus Von Aschen a Bartosz Kowal
Venezia, 2 luglio1897
“Mio caro Bartosz,
NON PARTITE! Ai vostri timori rispondo col mio: il timore che voi stiate cedendo, e che ció che vuol essere una breve parentesi sará in realtá il preludio dell’arresa. Compiendo cosí la volontá di Filisztyn Michalczewski.
Comprendo la confusione che si è ingenerata nella vostra mente: qualsiasi uomo, medico o no, faticherebbe nel reggere il peso della storia della famiglia Michalczewski.
Vivere sotto lo stesso tetto dei suoi padroni vuol dire respirarne la stessa aria greve, la stessa penosa energia lasciata come uno strascico da gesta malvage e da volontá sottomesse all’egoismo.
Avete ragione: la negativitá della residenza Michalczewski è un fatto, e prescinde dal vostro essere stato ingenuamente drogato. Le azioni umane lasciano tracce indelebili, quasi vischiose, qualora siano state generate da personalitá bieche.
Sono convinto, da quel che mi raccontate, che l’anima più pura che abiti quella tenuta si trovi in realtá sottoterra: fossi in voi, per respirare un po’ di aria buona, mi ritirerei sotto il grande olmo del parco, e cercherei la compagnía del povero Alexander  Michalczewski.
Questo solo sarebbe sufficiente.
Anche se, da quel che non mi raccontate, intuisco una fonte di ristoro per voi in Panienka Lavinia.
Ma per l’amor del cielo, non tornate a Venezia!
Non fatevi mordere dagli scrupoli morali, nel timore di aumentare ancora di più il danno.
Cos’altro puó succedere di più sciagurato sotto quel tetto, mio caro Bartosz?
Siete in gioco e dovete rimanerci.
Ricordate le parole di Krishna al principe Arjuna? Dinanzi alla battaglia incipiente, dove si fronteggiano parenti e amici, il principe si raccoglie perplesso in meditazione ed osserva con pena e struggimento la scena; preso dal dubbio e dall’orrore si chiede perché debba prender parte a tale assurditá. Ma Krishna lo ammonisce dicendogli che rifiutandosi di combattere in quella “giusta battaglia” avrebbe mancato al suo dovere di guerriero; e cosí lo íncita ad alzarsi e combattere.[1]
Questo solo vi dico: alzatevi, scrollatevi di dosso i vostri inutili scrupoli e combattete la vostra giusta battaglia.
Vostro
Jeronimus Von Aschen”


[1] Bhagavad Gita, cap. II versi 33 e 37. La Bhagavad Gita, o Canto del beato è un celeberrimo poema contenuto nel VI libro del Mahabharata, epopea indiana  e testo sacro hindu. Krishna, auriga di Arjuna, non è altro che la manifestazione del dio Visnu. I testi sacri hindu conobbero una straordinaria diffusione nell’ottocento grazie soprattutto al pensiero e alle opere di Arthur Schopenauer, che importó in Occidente molte delle idee e suggestioni della cultura orientale.

martedì 1 maggio 2012

Qui di seguito la terza parte del mio saggio sul genio di Providence:  "L'orrore fenomenologico di H.P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans ed il tremendum". Pubblicato per il blog "CRITICA IMPURA. Letteratura, filosofia, arte e critica globale".

L'ORRORE FENOMENOLOGICO DI H.P. LOVECRAFT. TERZA PARTE